Land Art

Robert Smithson

Robert Smithson è uno dei maggiori esponenti della Land Art: la corrente artistica che, a partire dal 1967-68, propone interventi estetici minimalisti su spazi naturalistici incontaminati. Il carattere dell’opera di Smithson è definito dai termini site (territorio naturalistico) e non-site (contenitori geometrici che raccolgono materiali prelevati dal territorio).

L’opera più nota dell’artista è “Spiral Jetty del 1970, un’enorme e spettacolare spirale costruita presso il Great Salt Lake (nel Nord-Ovest dello Utah, Stati Uniti) ed è realizzata con il terreno circostante. L’opera d’arte a forma di spirale, simbolo millenario della vita, rappresenta anche il processo di degrado e di disordine della materia determinato dagli agenti atmosferici (arte processuale).

Nello Emmen (Paesi Bassi) Smithson realizza nel 1971 “Broken Circle/Spiral Hill“. L’opera e’ realizzata in un ex miniera dove con il passare del tempo si è formato un lago. Con un’operazione di scavo del terreno e poi di ricollocamento dello stesso, Smithson da vita al Broken Circle, un cerchio “spezzato” sulla riva del lago, riempito per una metà di sabbia, per l’altra di acqua. Accando a questo Smithson realizza la la Spiral Hill: una spirale su una piccola collina composta dagli stessi materiali ricavati dallo scavo.

Smithson utilizza il concetto di entropia per esplorare la decadenza e il rinnovamento, l’ordine e il caos, cercando di trovare un equilibrio tra gli opposti.

Potrebbe piacerti...